Info

 

imagesPrima di tutto un saluto a chi è approdato o naufragato su questo blog, non sarà una pietra miliare, ma per me è una cosa importante. Una gestazione di idee, desideri, dubbi, speranze, umori, durata il tempo necessario o, forse irragionevolmente, anche qualcosa in più. Qui convivo con zi’ Nicola* che per disillusione delle cose umane ha rinunciato a parlare preferendo esprimersi con una sorta di “Codice Morse” dove i punti e le linee sono lo scoppio di petardi. Lui, dolorosamente, vuole mantenersi estraneo e al di fuori delle meschine vicende di questo mondo che non ascolta più. Io, contrariamente al taciturno zio, imperterrito continuo a pensare che la parola sia un dono e che pertanto vada espressa, poi sta ad ognuno di noi scegliere il modo più consono. La mia è una passione con la quale ho imparato che, a volte, conviene tacere e non per bieco opportunismo, ma per un primordiale e forte istinto di sopravvivenza.
In conclusione, cercando di dare un’identità a questo “giornale di bordo”, mi fa piacere pensare che questa mia passione possa diventare, idealmente, un “porto”, dove trovare “riparo” e da dove poter ripartire per affrontare questo “mare”, che quotidianamente navighiamo, senza rimanere impigliati in alcuna ”rete”.

* zi’ Nicola è un personaggio della commedia di Eduardo.
  • blob il blog
  • 04 luglio 2011: born to be alive

    74812 Visitatori